Utenze

  • Bolletta Eni: come interpretarla e pagarla

    Tra le più importanti produttrici di luce e gas, l'Eni riscalda le case degli italiani dal 1953; il pagamento avvienete attraverso comode bolletti bimestrali. Per onorare il contratto i clienti hanno diversi metodi, che vanno dal recarsi nelle sedi preposte alla domiciazione della bolletta Eni.

     
  • Subentro contratto acea: il modello per la voltura

    Vi proponiamo di seguito il modello da compilare per richiedere un subentro del contratto acea energia. Ovviamente abbiate cura di compilarlo a dovere prima di consegnarlo. Confrontatevi in maniera approfondita con persone che hanno già affrontato un'operazione del genere ed eventualmente chiamate il numero verde Acea per avere conferma riguardo alcuni dubbi che potrebbero sorgere. Lasciate un commento e/o condividete l'articolo se vi è piaciuto e se vi è servito e l'avete trovato utile.

     
  • Voltura contratto enel: usufruire di una fornitura già attiva

    Quando ci trasferiamo in una nuova abitazione, una delle prime cose di cui dobbiamo preoccuparci è sicuramente la fornitura domestica di luce e gas. La situazione chiaramente più usuale è quella in cui ci si trasferisce all’interno di un appartamento abitato in precedenza da un altro inquilino. Nel 99% dei casi costui era un cliente di Enel; perciò dobbiamo limitarci a capire se la fornitura precedente sia ancora attiva o meno: nel primo caso, opereremo la voltura del contratto Enel; nel secondo quella del subentro.

Auto

  • Comunicazione all'ACI del cambio della residenza: necessario per la patente

    La variazione della residenza sulla patente di guida avviene nel momento in cui si presenta la richiesta di iscrizione anagrafica o cambio di abitazione presso gli uffici del comune di residenza. Infatti, oltre ai documenti richiesti per il cambio di residenza, i titolari di patente di guida dovranno compilare una apposito modulo in distribuzione presso gli uffici comunali.

     
  • Rinnovo foglio rosa: come richiederlo

    La nuova normativa ha stabilito che il foglio rosa può essere rilasciato, da parte della Motorizzazione Civile, solo dopo che l’interessato ha superato l’esame teorico per conseguire la patente di guida. Il foglio rosa scade dopo sei mesi, in questo arco di tempo, l’intestatario ha due possibilità per superare l’esame di guida pratica del veicolo.

     
  • Il Foglio rosa per la patente b: tutto quello di cui hai bisogno

    Il foglio rosa per la patente b è una specifica autorizzazione, grazie alla quale l’intestatario acquisisce il permesso di potersi esercitare alla guida di un veicolo. La normativa sul foglio rosa patente b ha subito un cambiamento dall’ 11 novembre 2010, infatti, prima di questa data il figlio rosa veniva consegnato a chiunque si era iscritto presso una scuola guida riconosciuta o la Motorizzazione Civile. Dopo la nuova norma il foglio rosa patente b è consegnato solo a coloro che hanno sostenuto e passato l’esame teorico della patente. Il foglio rosa patente b vale sei mesi, periodo entro il quale l’intestatario deve sostenere l’esame di guida pratica di un veicolo.

Redditi

  • Il modulo per fare richiesta degli assegni familiari

    Tra le varie prestazioni offerte dall'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale (Inps) c'è anche quella degli assegni familiari. L'assegno familiare, o assegno per nucleo familiare, viene erogato dall'Inps per offrire sostegno economico alle famiglie dei lavoratori dipendenti o dei pensionati della stessa categoria, che hanno un reddito annuale che sia inferiore ad una certa soglia stabilita dalla legge.

     
  • Autocertificazione reddito familiare: modello prestampato utile e aggiornato!

    Indicato alla voce “stato di famiglia”, il reddito familiare è sicuramente tra i casi di autocertificazione più gettonati dai cittadini che fanno utilizzo di questa particolare dichiarazione. Bisogna tuttavia fare attenzione perché, al fine di non sfociare nell’errore giuridico, è bene che un atto come questo sia stilato in piena regola, rispettando ciò che c’è da rispettare. Per questo motivo proponiamo un modello utile da seguire nel caso in cui dovessimo mai ricorrere all’autocertificazione del reddito familiare.

     
  • Dichiarazione di intento: istruzioni e modulistica

    La dichiarazione di intento è un documento che chi vende beni o servizi (esportatore abituale) a operatori non obbligati al pagamento dell’IVA sugli acquisti (fornitore), deve trasmettere all’Agenzia delle Entrate. Chi sono gli esportatori abituali?