Video consigliati



Iscriviti alla Newsletter

Top 100 Joomla



Ufficio Passaporti a Torino: gli orari e le procedure





Un passaporto per un abitante di Torino è un documento di riconoscimento che lo caratterizza come un cittadino di quel particolare stato. Permette di transitare per altre nazioni. I passaporti a Torino sono collegati al diritto di protezione legale all'estero e al diritto di rientrare nella nazione della propria nazionalità. Contengono la fotografia del cittadino, i suoi dati anagrafici, la sua firma e la nazionalità.

Un passaporto è obbligatorio per i cittadini di Torino per il viaggiare all'estero. Può essere edito con visti pubblicati dalla nazione ospite che concedono l'ingresso. Si sottolinea l’importanza di avere molta cura del passaporto perché, come documento di identificazione, sono spesso assoggettati a furto e falsificazione.Per il personale diplomatico torinese vengono emessi passaporti diplomatici che li identificano come rappresentanti del loro paese natale. I Passaporti di Servizio sono versioni ridotte dei passaporti diplomatici emessi al personale di alcune nazioni UE che lavorano in ambasciate. L'Unione Europea è forse l'entità più importante che accorda passaporti comuni. I passaporti UE hanno un formato e stile standardizzato. I passaporti UE ordinari sono rossi con le parole "Unione Europea" scritte nella lingua nazionale della nazione emittente sul fronte, sotto di esso l'emblema nazionale ed in fondo il nome ufficiale della nazione.

Come fare per ottenere un Passaporto a Torino

  • Documento di riconoscimento valido
  • Due fototessera
  • Un contrassegno telematico di € 40,29 per passaporto
  • Ricevuta del versamento su C/C postale N.67422808 intestato a: Ministero dell’economia e delle finanze – Dipartimento del tesoro di € 44,66 per il libretto a 32 pagine e di € 45,62 per quello a 48 pagine
  • Per i minori, la presenza di entrambi i genitori per l'autentica della fotografia.

Dove richiederlo

La richiesta di rilascio del Passaporto può essere presentata presso i seguenti uffici del luogo di residenza o di domicilio o di dimora:

  • la Questura
  • l'ufficio passaporti del commissariato di Pubblica Sicurezza
  • la stazione dei Carabinieri
  • l'ufficio postale
  • l'ufficio comunale.

Documentazione necessaria

La domanda del passaporto, che va fatta presso gli uffici sopra indicati, va necessariamente consegnata accompagnata dalla seguente documentazione:

  • documento di riconoscimento valido
  • 2 foto tessera recenti e identiche.
  • 1 contrassegno telematico di € 40,29 per passaporto, che dal 1 settembre 2007 sostituisce la marca da bollo e ha una validità di 365 giorni a decorrere dalla data del rilascio del passaporto.

In caso di effettiva impossibilità di reperire i contrassegni telematici, il cittadino può effettuare un pagamento per mezzo di conto corrente postale. In questo ultimo caso, per ottenere il passaporto va consegnata la ricevuta di pagamento di € 44,66 per il libretto a 32 pagine e di € 45,62 per quello a 48 pagine. Il versamento va effettuato esclusivamente mediante bollettino di conto corrente n. 67422808 intestato a: Ministero dell'economia e delle finanze - Dipartimento del tesoro. Causale: "importo per il rilascio del passaporto elettronico.”

Caratteristiche della fototessera

La fototessera del passaporto deve essere consegnata negli uffici preposti al suo rilascio insieme ad una identica; per essere considerate a norma e quindi accettate da chi esamina la documentazione le foto devono rispecchiare le seguenti caratteristiche:

⁃    non possono essere state scattate oltre i 6 mesi dalla loro consegna;
⁃    devono essere a colori;
⁃    devono rispettare la dimensione di 4cm di altezza per 3,3cm di larghezza;
⁃    devono essere consegnate integre e senza scritte;
⁃    devono essere stampate su carta (possibilmente opaca) di alta qualità.

Fototessera: come mettersi in posa

Perché una fototessera del passaporto sia valida oltre a rispettare le caratteristiche materiali richiede che il soggetto sia fotografato ritraendo unicamente la testa e la parte superiore delle spalle, su sfondo chiaro e uniforme e senza la presenza di oggetti o soggetti esterni. Il volto deve essere immortalato frontalmente e con lo sguardo rivolto verso l'obiettivo, l'espressione deve essere la più neutra possibile con gli occhi aperti e la bocca chiusa.

Fototessera: cosa non indossare

Per favorire l'identificazione, al momento dello scatto della fototessera del passaporto il soggetto dovrà rimuovere eventuali copricapi ad eccezione di quelli portati per scopi religiosi (che dovranno comunque consentire una visione completa del volto) ed aver cura che i capelli non coprano il viso.
E'consentito tenere gli occhiali con lenti trasparenti purché la montatura non copra i tratti somatici o non ci siano altri dettagli che nascondino gli occhi.

Come fotografare un bambino

Anche se ogni minore può ottenere il proprio libretto la natura poco propensa alla seriosità dei piccoli può rendere lo scattare una fototessera del passaporto nel rispetto delle regole degli adulti assai difficile: per i bambini al di sotto dei sei anni pertanto le regole sull'espressione sono limitate agli occhi aperti e alla bocca chiusa con (cercando comunque di non farli sorridere!) mentre per i neonati di sei mesi sono valide anche le foto scattate con gli occhi chiusi.

Come fare per ottenere un Duplicato

  • Documento di riconoscimento valido
  • Due fototessera
  • Un contrassegno telematico di € 40,29 per passaporto
  • Ricevuta del versamento su C/C postale N.67422808 intestato a: Ministero dell’economia e delle finanze – Dipartimento del tesoro di € 44,66 per il libretto a 32 pagine e di € 45,62 per quello a 48 pagine

    L'Ufficio Passaporti sito a Torino in Piazzale Cesare Augusto. Telefono: 011.464.74.64 è aperto tutti i giorni tranne il sabato con orario 09.00- 12:00.

    Link Utili: Dossier della Polizia di Stato italiana sul passaporto



     


    Modelli e Documenti, Copyright 2010. Powered by ElaMedia Group SRLS
    Chi siamo
    Norme della Privacy
    Segui @ElaMediaGroup