Video consigliati



Iscriviti alla Newsletter



Rinnovo porto d'armi





Il porto d'armi è una licenza che rende possibile ai titolari dello stesso il possesso ed il trasporto di un'arma al di fuori della propria abitazione. Per poter ricevere il porto d'armi, è necessario fare richiesta all'ufficio della Questura o della Prefettura di riferimento, che controlleranno i requisiti del cittadino italiano richiedente e, in caso positivo, rilasceranno tale documento. In questo modo, chiunque è in possesso del porto d'armi ha la possibilità di acquistare e trasportare armi e munizioni, secondo quanto riportato sulla licenza ottenuta.

Tipologie di licenza

Attualmente esistono tre tipologie di licenza. Il primo tipo è per uso sportivo, e comprende la licenza di porto di fucile per il tiro a volo. Un secondo tipo di porto d'armi, per uso venatorio, comprende la licenza di porto di fucile per il tiro a volo e per uso di caccia. Il terzo tipo comprende la licenza di porto pistola o rivoltella con scopo di difesa personale.

Requisiti e durata

Il porto d'armi può essere richiesto da tutti i cittadini italiani che non siano soggetti a qualsiasi tipo di sentenza restrittiva dei diritti civili, pervenuta da parte di un tribunale. Inoltre, il porto d'armi prevede che il cittadino richiedente sia in possesso dei requisiti psicofisici idonei. La durata è di 6 anni, per quanto riguarda il porto di fucile, e di 5 anni per tutte le licenze collegate al porto di pistola.

Divieti

Senza il porto d'armi è vietato acquistare armi, a meno che non sia presentato un nulla osta del questore, valido per 30 giorni a partire dalla data di firma. La vendita di armi è comunque vietata a tutti i cittadini italiani minorenni. Il questore ed il prefetto possono rifiutare la concessione della licenza a determinate categorie di persone che abbiano commesso reati e delitti.

Anche la licenza per possedere armi, comunemente chiamata “porto d'armi” e che consente di trasportare un'arma al di fuori della propria abitazione, ha una sua scadenza ed è necessario rinnovarla. Scade dopo sei anni e per il suo rinnovo è necessario fare richiesta alla Polizia di Stato. La richiesta di rinnovo del porto d'armi va inoltre presentata prima della scadenza, esibendo gli stessi documenti previsti per il rilascio; sono escluse: la certificazione relativa all'idoneità al maneggio delle armi; la dichiarazione di non essere stato riconosciuto "obiettore di coscienza"; l'istanza di revoca dello status di obiettore, trasmessa all'Ufficio Nazionale per il servizio civile.

I documenti per ottenere il rinnovo del porto d'armi:

  • Istanza in carta da bollo diretta al Questore;
  • Certificazione, comprovante l’idoneità psico – fisica, rilasciata dall’Ufficiale Sanitario ;
  • Stato di famiglia
  • Certificato di residenza
  • Dichiarazione ai sensi del DPR 20.10.98 n.403 di non aver riportato condanne penali e di non essere sottoposto a procedimenti penali;
  • Due fototessere;
  • Marca da bollo;
  • Ricevuta di versamento della tassa di Concessione Governativa, mediante bollettino di c/c postale intestato all’Ufficio Registro Tasse Concessioni Governative di Roma;
  • Ricevuta di versamento della tassa Regionale, mediante bollettino c/c postale intestato alla Tesoreria della Regione competente per territorio;
  • Ricevuta di versamento della tassa per il libretto personale, con bollettino di c/c postale intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato, Sezione competente per territorio.

In caso di rinnovo del porto d'armi è infine necessario allegare una fotocopia della licenza precedente.



 


Modelli e Documenti, Copyright 2010. Powered by ElaMedia Group SRLS
Chi siamo
Norme della Privacy
Segui @ElaMediaGroup