Oggi possiamo fare qualsiasi cosa online: vendiamo, compriamo, rendiamo, sostituiamo merci, scambiamo soldi e molto altro! Sembra proprio che più passi il tempo e più stia cambiando l’opinione su una delle grandi difficoltà che all’inizio affliggeva il cosiddetto commercio elettronico, cioè la fiducia degli acquirenti verso i venditori non fisici e, specialmente, verso i metodi di pagamento usati.

Senza dubbio, tutti conosciamo PayPal! Si tratta di un servizio che permette di effettuare le transazioni online in maniera sicura poiché è lo stesso PayPal a fare da intermediario fra la banca o la carta ed il venditore online. In tal modo, chi effettua delle transazioni online può anche non comunicare i suoi dati sensibili e, inoltre, grazie alle garanzie di cui dispone il programma, i pagamenti sono estremamente affidabili. Ma quali sono i migliori metodi di pagamento differenti da PayPal? Ecco il nostro elenco di alternative a Paypal su cui puoi fare affidamento.

Cerchi delle alternative a Paypal? Usa Google Pay

Non si può che iniziare da Google Pay! Fra le alternative a Paypal è il metodo ideale per chi deve effettuare dei pagamenti veloci perché dispone di un metodo facile e rapido per fare i propri pagamenti sui siti web. Google Pay, infatti, è ad oggi una fra le alternative più scelte. Si può inoltre pagare, oltre che sui siti, nelle app o nei negozi, usando le carte salvate sul vostro conto Google. Chi non ha un account Google oggi? Basterà solo inserire i dati di pagamento all’account per usufruirne. Il sistema è quasi completamente gratuito tanto per le aziende che per i clienti. Infatti l’addebito per le transazioni con le carte di credito è del solo 2.9%

Un buon incentivo è che le aziende che permettono i pagamenti con Google Pay possono riservare ai loro clienti delle offerte o dei buoni regalo.

Paga con Shopify

Alternative a Paypal

Se l’e-commerce è presente sulla piattaforma Shopify, questo metodo consente di accettare i pagamenti senza intervento di terze parti sia con carte di debito che di credito direttamente sul negozio Shopify.

Purtroppo questa fra le alternative a Paypal si può utilizzare soltanto se si ha un negozio Shopify o negozi Pinterest, Messenger, Facebook, eBay, Amazon e molto altro ancora.

TransferWise

Se si effettuano molte transazioni internazionali, allora, TransferWise è proprio quello che fa per voi come und delle alternative a Paypal. È un metodo economico per trasferire denaro a livello internazionale e ricevere i pagamenti online inviando ai clienti le fatture nella loro valuta locale.

Amazon Pay

Amazon Pay è uno dei metodi di pagamento differenti da Paypal ideale per chi vuole un provider di pagamenti che sia completo ed affidabile oltre ad avere il vantaggio di essere un brand conosciuto. Gli utenti registrati ad Amazon possono accedere al loro account ed usare i dati di pagamento che erano stati inseriti per completare l’acquisto mediante la stessa interfaccia dell’app Amazon. Questa metodologia accelera il processo di pagamento anche perché è disponibile su ogni dispositivo per consentire a venditore e cliente di gestire i pagamenti nella massima comodità.

Yap

on questa applicazione si può pagare contactless usando lo smartphone come una carta e pagare in negozio o online in sicurezza. Se il cellulare è scarico è possibile anche utilizzare anche una carta fisica. La YAP si ricarica in qualsiasi modo, mediante una carta, in contanti o dal conto corrente. È una delle alternative a Paypal perfetta per i giovani e gli studenti fuori sede che possono richiedere soldi ai genitori e visualizzarli in pochi secondi. Può essere utilizzata per prenotare voli, vacanze o ordinare una pizza a domicilio, il parcheggio o un’auto a noleggio. Insomma tutto dallo smartphone con la sicurezza del circuito Mastercard. Ogni acquisto, poi, è protetto dalla password impostata su YAP e contemporaneamente da quella del telefono a cui si aggiungono il riconoscimento del volto o l’impronta digitale. Infine, quando si fa un pagamento si riceve una notifica di conferma sullo smartphone e gli acquisti restano tutti memorizzati sull’applicazione dedicata.

FastSpring

È una forma di pagamento online di quelle alternative a Paypal che si distingue per la capacità di elaborazione dei pagamenti localizzati. Si possono effettuare transazioni in oltre 20 valute e utilizzando i più diffusi mezzi di pagamento. La lingua di pagamento si aggiorna automaticamente a seconda della posizione dell’acquirente. Si possono scegliere 15 lingue. Il livello di sicurezza è Service Provider PCI livello 1, il più alto per questo tipo di transazioni. La commissione fissa è di 8,9% per transazione, ma si può anche scegliere un modello di commissione variabile a 5,9% del valore totale della transazione + 0,95 dollari.

Stripe

È l’infrastruttura di pagamento online più utilizzata dalle aziende fra le alternative a Paypal perché offre agli imprenditori molta flessibilità. Stripe facilita le transazioni internazionali senza necessità di integrare applicazioni o canali per fare business con l’estero. Le elaborazioni di pagamento sono effettuate a livello locale, i numeri e le chiavi di accesso delle carte sono criptati e memorizzati separatamente a garanzia di sicurezza. È una piattaforma apprezzata dalle aziende anche per l’alto grado di personalizzazione rispetto alle tipologie di pagamento preferite dai clienti, gli alert di frode, la creazione di report, nonché la possibilità di collegare il proprio metodo di pagamento al registro contabile tramite le integrazioni QuickBooks e NetSuite. Le commissioni previste sono del 2,9% + 0,30 dollari a transazione.

WePay

Nel 2017 Chase Bank acquista WePay un modello di pagamento online di quelli fra le alternative a Paypal. Le aziende possono effettuare depositi in giornata e integrare le informazioni di pagamento con eventuali altre relazioni in gestone. L’accesso a WePay può essere effettuato anche tramite il proprio sito inserendo poche righe di codice nel proprio webmaster per far comparire l’icona con il link che rimanda alla pagina del sito di pagamento. Le spese di commissione addebitate sono di 2,9% per transazione + 0,30 dollari.

Apple Pay

I possessori di un dispositivo Apple possono effettuare o riscuotere pagamenti senza contanti tramite l’app dello smartphone. Oltre all’acquisto di prodotti con Apple Pay, si possono effettuare operazioni di invio e ricezione del denaro. Il suo utilizzo è intuitivo grazie all’app ed è compatibile con Apple Watch e Touch ID su Mac. Apple Pay può essere utilizzato in combinazione con altri sistemi di pagamento senza andare in conflitto ed è compatibile con altri emittenti di carte o fornitori di pagamenti. Non si applicano commissioni sulle transazioni. Diremmo ottima fra le alternative a Paypal.

Alternative a Paypal: quali le novità del 2021?

shopping 2735735 640

In questi anni in cui la tecnologia di internet risulta sempre piú diffusa e sicura per effettuare transazioni finanziarie e pagamenti, si sviluppano e si diffondono soluzioni alternative a Paypal. Soluzioni che si rivolgono sia ad imprese che singoli privati e che facilitano ogni sorta di interazione economica, sia in entrata che in uscita. Solitamente si cercano alternative a Paypal per ottenere prezzi maggiormente competitivi oppure usare piattaforme multifunzionali che siano estremamente facili nel loro funzionamento.

Per coloro che fossero affezionati alla metodologia di funzionamento di Paypal, ma che non volessero usare quest'ultimo, è possibile rivolgersi a Skrill. Questo rappresenta un metodo di pagamento molto intuitivo e semplice e consente di effettuare o ricevere pagamenti con assoluta facilitá. È possibile l'inserimento dei propri dati bancari o della carta di credito ed effettuare cosí qualsiasi genere di pagamento online. Con Skrill si puó anche ottenere una carta di debito prepagata. Per le transazioni di denaro la commissione è dell'1,45% + 0,40 Cents di Euro.

Masterpass è una delle possibili alternative a Paypal piú interessanti, in quanto esso rappresenta un sistema di pagamento digitale realizzato dalla nota Mastercard ed è utilissimo per quelle persone che effettuano diverse transazioni finanziarie o comunque acquisti online. In questo "portafoglio digitale" si possono memorizzare i dati della carta e poi effettuare transazioni con vari tipi di dispositivi elettronici. Si possono inserire a questo proposito i dati di varie carte e differenti circuiti: da Visa ad American Express. Scaricare ed usufruire di questo sistema è del tutto gratuito.

Tra le alternative a Paypal, vi è anche Payoneer, un sistema di pagamento che mette a disposizione della propria clientela un conto online ed una carta prepagata. Ciascun utente puó effettuare acquisti online, effettuare ricariche di denaro sul proprio conto oppure ricevere o inviare pagamenti. Tale mezzo di pagamento risulta molto affidabile e semplice nel suo utilizzo. Per quano riguarda le commissioni, esse sono del 3% sulle transazioni attraverso carta di credito e dell'1% invece per transazioni del tipo eCheck

Se questo articolo sulle alternative a Paypal ti è stato utile leggi anche la nostra guida su come acquistare online.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Presentare la disdetta per il contratto Enel Energia: tutte le procedure in una semplice guida

immagine esemplificativa sulla disdetta di un contratto enel energia

In occasioni quali possono essere, per esempio, un trasferimento o magari, più semplicemente, un’offerta di fornitura più competitiva di quella cui il nostro contratto ci lega, noi – semplici utenti di un servizio (in particolare quello di luce e gas e quindi, in Italia, utenti enel) ordinare la cessazione del servizio.

Voltura Enel: usufruire di una fornitura già attiva

immagine esemplificativa di come è possibile fare la voltura di un contratto enel

Quando si cambia casa fra i prime pensieri c'è la fornitura domestica di gas e luce. La situazione chiaramente più usuale è quella in cui ci si trasferisce all’interno di un appartamento abitato in precedenza da un altro inquilino. Nel 99% dei casi costui era un cliente di Enel; perciò dobbiamo limitarci a capire se la fornitura precedente sia ancora attiva o meno: nel primo caso, opereremo la voltura del contratto Enel; nel secondo quella del subentro.