Già da qualche anno, a seguito di varie riforme governative, singoli soggetti o famiglie, al fine di ottenere determinate prestazioni, servizi o sussidi da parte dello Stato, devono effettuare la presentazione del modello Isee, con annesse varie informazioni sulla situazione economica del soggetto richiedente: dalla giacenza media dei conti correnti posseduti al patrimonio immobiliare detenuto. Tutto ciò al fine di determinare se, appunto, il richiedente abbia i requisiti economici per ottenere tali prestazioni o servizi.

Andiamo quindi a vedere, in sintesi, per coloro che non lo conoscessero, cosa sia il modello Isee, quali siano le voci che lo compongono e quindi le informazioni richieste dalle autorità statali, come è calcolata la giacenza media Isee per l’anno 2021 e poi forniamo anche un piccolo esempio di tale calcolo. Scopriremo quindi come poter effettuare a casa una valutazione dei requisiti economici e se sono tali da poter eventualmente richiedere qualche servizio o prestazione allo Stato.

Modello Isee 2021 e la DSU

Come vedremo successivamente, giacenza media Isee 2021 conto corrente e saldo rappresentano alcune delle informazioni essenziali richieste ai contribuenti per ottenere il modello Isee (Indicatore Situazione Economica Equivalente), attraverso la compilazione ed il rilascio della cosiddetta DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica), fondamentale per accedere a determinati servizi, prestazioni o sussidi statali, come può essere ad esempio il Reddito di Cittadinanza.

A seguito di alcune riforme, il patrimonio mobiliare ed immobiliare da dichiarare nell’Isee sono quelli posseduti due anni prima, quindi se si deve compilare per il 2021 o il 2022, documenti e informazioni devono essere quelli relativi, rispettivamente, all’anno 2019 o a quello 2020. Nel modello Isee 2021 vi è la sezione che riguarda il patrimonio mobiliare e, all’interno di questa, tra le varie voci eventualmente da compilare, vi si trova anche quella relativa alla giacenza media di un conto corrente bancario o postale.

Giacenza media per l’Isee 2021

Al momento di effettuare la DSU allo scopo del rilascio finale dell’Isee, il contribuente deve fornire dati concernenti il saldo e la giacenza media di tutte le voci relative al proprio patrimonio mobiliare, quindi conti correnti postali o bancari, come accennato. In particolare, la giacenza media annuale di un conto rappresenta la somma media del denaro di cui dispone un soggetto in uno specifico periodo di tempo, rapportato all’anno.

Per poter calcolare a casa questo dato, si devono possedere gli estratti conto forniti dalle Poste o dalla banca. Se questi sono trimestrali, se ne dovrebbe avere 4 complessivamente. Per tale calcolo, in pratica, si dovrebbero sommare il numero di creditori, per poi dividerli per 365, al fine di ottenere appunto una giacenza media. Fortunatamente, comunque, ormai sono gli stessi istituti bancari o le Poste a fornire attestazioni con tali informazioni essenziali.

Tuttavia, nel caso un conto corrente fosse cointestato, la quota saldo e la giacenza devono essere indicati al 50% (in quanto due sono i soggetti aventi il conto). Se invece i titolari dello stesso fossero 3, allora il dato finale della giacenza deve essere diviso per tale cifra e quindi indicato al 33,3%. E tutto questo va fatto per ciascun conto detenuto dal contribuente che richiede il modello Isee.

Esempio pratico della giacenza media di un conto

Prima di tutto, bisogna eseguire il calcolo delle giacenze giornaliere per ciascun giorno dell’anno, quindi se la giacenza è stata di 100 Euro per 100 giorni, avremo 100 x 100=10.000 Euro. Dopo, si devono moltiplicare le singole giacenze giornaliere per il tempo in cui sono rimaste costanti, quindi ad esempio: 70 Euro per 15 giorni, avremo 70 x 15=1.050 Euro; 20 Euro per 250 giorni, avremo 20 x 250=5.000 Euro. Una volta effettuati tutti questi calcoli, bisogna sommarli, quindi: 10.000+1.050+5.000 per un totale di 16.050 Euro.

A questo punto, la giacenza totale va adesso suddivisa per 365 giorni e quindi 16.050 Euro/365= 43,97 Euro, con relativo arrotondamento a 44 Euro. Ai fini dell’Isee, pertanto, deve essere indicato che la giacenza media del conto corrente è di 44 Euro. Ricordiamo, poi, che si può richiedere il modello Isee rivolgendosi a qualsiasi CAF (Centro Assistenza Fiscale) oppure ad altri enti autorizzati o, ancora, direttamente sul sito internet dell’INPS.  

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group