La pensione rappresenta il traguardo finale di tanti lavoratori dopo una vita fatta di sacrifici, un periodo di riposo dove potersi dedicare maggiormente alla propria famiglia, agli hobbies e magari anche a una vacanza meritata, in qualche bella località turistica.

In Italia il compito di assicurare le prestazioni pensionistiche, nonché tanti altri servizi ai dipendenti (sia pubblici o privati che siano), spetta all’INPS ovvero all’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale. Presso l’IINPS devono essere obbligatoriamente iscritti tutti i lavoratori siano essi pubblici o privati e anche la maggior parte dei lavoratori autonomia che però non abbiamo una vera e propria cassa previdenziale di natura autonoma.  

Storicamente parlando l’INPS comincia a muovere i primi passi in Italia alla fine dell’ottocento con la fondazione della Cassa nazionale di previdenza per l’invalidità è la vecchiaia degli operai. Illo tempore vi era la possibilità di scegliere se aderire o meno versando dei contributi ma nell’immediato primo dopoguerra, quindi nel 1919, il tutto divenne obbligatorio.   

Nel 1943 sotto il governo firmato Benito Mussolini l’ente assume la denominazione odierna ma negli ottanta anni seguenti ha subito numerosissime riforme fino alla struttura odierna che riesce a colmare e gestire gli interessi di potenziali pensionati ma non solo.  

In particolare, l'ente statale garantisce la gestione ed erogazione delle prestazioni sia di natura previdenziale (tra cui pensioni di invalidità, reversibilità o di anzianità) e sia connesse al sostegno al reddito, come possono essere le indennità di disoccupazione, quelle di malattia o di maternità. Tuttavia, questi sono soltanto alcuni dei compiti affidati a tale ente.

Ma la più grande innovazione degli ultimi anni è quella inerente all’accesso sul web: registrandosi sul sito internet dell’INPS infatti è possibile gestire le proprie pratiche in modo assolutamente autonomo riuscendo a bypassare spesso e volentieri l’operato dei CAF.  

Difatti, l'avvento della tecnologia dei computer e di internet ha rivoluzionato anche questo ambito. Se prima, per poter richiedere un documento o verificare alcuni dati, bisognava recarsi alla sede Inps più vicina e rivolgersi necessariamente ad uno sportello fisico, adesso tutto questo è possibile farlo comodamente da casa e dal proprio computer ed in qualsiasi momento. Il sito internet di questo ente statale mette a disposizione dei propri utenti svariati servizi, documenti ed informazioni, che, nel caso, è possibile anche far stampare.

Inps online, cosa si può fare?  

Immagine inserita nell'articolo Inps online, il sistema pensionistico a portata di click

Come detto L’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale ha aperto le porte al mondo di internet e quindi è possibile gestire la propria situazione semplicemente con un click. Ma quali sono i principali servizi che vengono offerti online dal sito dell’Inps?  

  • Sostegno economico allo studio – consiste in un aiuto concreto a tutti coloro che vorrebbero accedere a percorsi di studio ma non ne hanno la possibilità economica. Nell’ultimo anno accademico le borse di studio sono state:  
    -Super Media: contributo massimo di 1300 euro per tutti gli studenti meritevoli;  
    - Programma Itaca: è una copertura o parziale o totale delle spese per affrontare corsi scolastici all’estero;  
    - Homo Sapiens: sono borse di studio per formazioni che seguono il livello secondario e riguardano Università e corsi professionali.   
  • Indennità mensile di disoccupazione – consiste in un rimborso mensile che viene erogato a favore di contribuenti che momentaneamente hanno perso il posto di lavoro e sono in cerca di occupazione. Mediante il portale web del sito è possibile inoltrare la domanda al fine di ricevere il 75% delle somme percepite mensilmente; 
  • Pensioni – sono il vero e proprio cavallo di battaglia dell’Inps. È probabilmente il servizio più cliccato che permette di verificare i cedolini pensionistici con annesse tempistiche di accredito. Anche in questo caso le domande possono essere inoltrate direttamente dal web; 
  • Disabilità e invalidità - compenso economico che viene rilasciato a tutti quei soggetti che per svariati motivi si ritrovano in condizioni psico-fisiche che impediscono loro di svolgere prestazioni lavorative. 

Immagine che ritrae la pagina dei servizi offerti dal sito online di INPS

Questi sono soltanto alcuni dei tanti servizi a disposizione dei diversi utenti e che, come abbiamo visto, riguardano molte categorie di soggetti: dai pensionati ai lavoratori, dai disoccupati alle persone diversamente abili. Per quanto riguarda i singoli lavoratori, è possibile ad esempio verificare la propria posizione contributiva, elemento utililissimo per poter prevedere indicativamente il periodo o l'anno in cui poter andare in pensione. Un disoccupato, invece, può controllare la somma ottenuta magari attraverso l'indennità di disoccupazione.

Insomma, come abbiamo visto, una miriade di servizi utili per i cittadini a cui poter accedere in maniera facile e diretta, attraverso semplicemente un computer. Una volta effettuata l'iscrizione attraverso una serie di passaggi, si avrà anche a disposizione una propria area personale, in cui è possibile ottenere e verificare informazioni sulla propria posizione lavorativa o pensionistica o accedere a documenti utili, come ad esempio la Certificazione Unica (l'ex Cud). Adesso passiamo a spiegare come riuscire ad ottenere tutto ciò.



Come effettuare l’iscrizione online

Per potere usufruire di tutti i servizi firmati INPS, ovviamente, è necessario effettuare una registrazione al fine di poter accedere ai servizi personali Ma come si effettua la registrazione? 
Innanzitutto come qualsiasi portale web bisogna munirsi anticipatamente di un indirizzo email. Avendo questo possiamo aprire l’home page del sito e cliccare su ‘registrati’. 
A questo punto ci si aprirà una schermata dove ci verranno richiesti tutti i dati anagrafici (nome, cognome, luogo e data di nascita, indirizzo, codice fiscale e via discorrendo).  
A questo punto manca l’ultimo step ovvero l’ottenimento del codice PIN che serve per attivare l’account. Il PIN è un codice di sedici cifre: otto cifre verranno ricevute tramite SMS o tramite mail mentre le altre otto cifre arriveranno direttamente a casa tramite raccomandata. 

Inseriti questi dati il codice di sedici cifre passa nel dimenticatoio e ci perviene un ulteriore codice di otto cifre che sarà, di fatto, la nostra nuova password per effettuare i sistematici login all’interno del portale.