Ogni anno l'Agenzia delle Entrate pubblica il modello 770 ordinario, relativo all’anno precedente, con le istruzioni per la compilazione. Si tratta di un modulo per la dichiarazione di altri sostituti d’imposta nonché degli intermediari ed altri soggetti tenuti alla comunicazione dei dati ai sensi di specifiche disposizioni normative (ai sensi del Provvedimento del 15/01/2013).

Istruzioni per la presentazione del modello 770 ordinario

Il modello e le istruzioni sono scaricabili dal sito dell’Agenzia delle Entrate, ma proviamo a fornire una guida per la compilazione del 770.

Per compilarlo occorre individuare il tracciato record e valorizzare i campi della Parte C (dati Inpdap). La compilazione e l’invio avvengono tramite servizio telematico, Entratel e Fisconline.

  1. il servizio telematico Fisconline, se la dichiarazione riguarda un numero di soggetti non superiore a 20;
  2. il servizio telematico Entratel, se la dichiarazione riguarda un numero di soggetti superiore a 20.

Per il calcolo dei soggetti da considerare, occorre far riferimento al numero complessivo dei righi compilati nei quadri SF, SG, SK, SL, SO e SR del modello (anche se riferiti allo stesso soggetto).

Nel modello 770 Semplificato vanno indicati:

  1. i dati relativi alle certificazioni:
    • redditi di lavoro dipendente, equiparati e assimilati
    • indennità di fine rapporto
    • prestazioni in forma di capitale erogate da fondi pensione
    • redditi di lavoro autonomo
    • provvigioni e redditi diversi
  2. i dati contributivi, previdenziali, assicurativi e quelli relativi all’assistenza fiscale prestata per il periodo d’imposta cui si riferisce la dichiarazione
  3. i dati dei versamenti effettuati, dei crediti e delle compensazioni operate.

Tempistica e scadenza del modello 770

Il modello Ordinario deve essere presentato telematicamente entro il 31 luglio dell'anno in corso, direttamente o tramite un intermediario abilitato (professionisti, associazioni di categoria, Caf, ecc.), ma si consiglia di verificare periodicamente lo scadenzario sul sito dell’Agenzia delle entrate, poiché la scadenza potrebbe essere soggetta a modifiche.

Modello 770/2017 unificato: scopriamo cosa cambia nella compilazione e nella scadenza

La novità introdotta quest’anno dall’Agenzia delle Entrate, è quella di aver messo a disposizione degli utenti un modello 770 unico, che non si differenzia più tra ordinario e semplificato.

Cambiano alcune cose ovviamente nella compilazione, che si presume sia più facilitata in questo modo, ma anche nei termini di presentazione.

Non ci sarà più alcuna differenza per i sostituti d’imposta e la dichiarazione sarà unica anche rispetto ai dati da comunicare all’Agenzia delle Entrate: versamenti effettuati, crediti e compensazioni ed infine tutto ciò che riguarda contributi e dati assicurativi. É stato tuttavia introdotto il nuovo quadro DI (Dichiarazione Integrativa) per comunicare integrazioni a favore, relative ad anni di imposta diversi da quello oggetto della dichiarazione. Sono inseriti nel modello 770 unico delle caselle in cui poter mettere l’anno di riferimento e la provenienza del credito vantato; si può inoltre, a fronte di un credito maggiore, andare a compensare le spese di imposta della successiva dichiarazione. 

Tutto sulle novità per la presentazione: invio separato e termini di consegna

770 ordinario

 I sostituti d’imposta possono inviare la dichiarazione anche in più flussi. La cosa da ricordare durante la compilazione è, in questo caso, di indicare nell’apposito spazio tutti i quadri che compongono la dichhiarazione e, nella sezione “Gestione Separata”, quelli che prevedono un invio separato.

Il termine di presentazione della dichiarazione è fissato al 31 luglio,  può essere inviata telematicamente anche da intermediari abilitati e farà fede la comunicazione da parte dell’Agenzia delle Entrate di avvenuta ricezione di tutta la documentazione e la successiva ricevuta che ne attesta

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Piano di ammortamento: cosa vuol dire e quali sono le tipologie

Cosa_vuol_dire_piano_di_ammortamento_e_quali_sono_le_tipologie_2.jpg

Quando si parla di ammortamento del mutuo si sta facendo riferimento alla specifica procedura attraverso la quale si è provveduto a suddividere un debito in una serie di rate. Al termine del pagamento di queste ultime il debito si considera estinto, per esempio un mutuo che sia stato acceso per l’acquisto della prima casa. Un documento come il piano di ammortamento va quindi a definire nel dettaglio - e le sintetizza - le modalità con le quali si provvederà al rimborso del prestito

Modulo disdetta Tele2: ecco le informazioni di cui hai bisogno

prestiti

A seguito del decreto Bersani, è possibile chiedere la disdetta dai servizi telefonici ADSL tele2 in qualsiasi momento dell'anno. L'utente per disdire tele2 può fare affidamento al diritto di recesso, e inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno al seguente indirizzo: Tele2 Italia S.p.A., Casella Postale 1022 – 88046 San Pietro Lametino (CZ).