La carta d'identità è il principale documento di riconoscimento valido in Italia; è un documento strettamente personale in cui sono contenuti i dati anagrafici. La carta di identità può essere richiesta per la prima volta appena compiuti i 15 anni di età. Ecco le modalità per poter richiedere la carta di identità la prima volta

Cittadini minorenni (da 15 anni e un giorno a 18 anni)

I minori che vogliono richiedere la carta d'identità per la prima volta devono presentarsi personalmente presso lo sportello con:

  • 3 fotografie recenti a mezzo busto senza cappello;
  • documento di identificazione;

Una volta consegnati questi documenti, bisogna attendere il tempo necessario alla redazione, dopo di che la carta d'identità viene rilasciata al diretto interessato. Se non si è in possesso di un documento, l'identificazione avviene mediante un genitore esercente la podestà, munito di un documento. 

Documenti

Dal 6 luglio anche i minori di 15 anni potranno avere la carta di identità. Questa novità in tema di documenti personali di riconoscimento è disciplinata dal decreto legge n. 70 del 13 maggio 2011, divulgata poi dalla la Prefettura di Roma. La carta d’identità per i minori di 15 anni avrà una durata differente in base all'età del richiedente. Per avere la carta “non valida per l’espatrio”, il minorenne deve recarsi allo sportello anagrafico accompagnato da almeno un genitore (o da chi esercita la potestà genitoriale). 

Qualora il minore che ne faccia richiesta abbia compiuto 12 anni, il documento di riconoscimento sarà firmato dallo stesso.

I documenti di riconoscimento per i minori

Le persone che hanno meno di diciotto anni per viaggiare hanno bisogno di alcuni documenti di riconoscimento, quindi quando una famiglia con figli decide di prendere parte ad un viaggio verso una determinata destinazione, si deve prima informare sull’eventuale necessità di dover essere in possesso di specifici documenti. Di seguito sono illustrati quali certificazioni bisogna possedere.

  • Un passaporto individuale.
  • Nel caso di minore fino a 15 anni un certificato di nascita e cittadinanza, che è stato precedentemente vidimato dal Questore, conosciuto anche con il nome di lasciapassare.
  • Una carta d’identità valida per l’espatrio, che permette di spostarsi nei paesi che hanno aderito al trattato di Schengen.

gestione documentale

E’ importante sapere che al contrario di quanto accadeva fino a pochi anni fa, i minori che sono iscritti sul passaporto di uno dei due genitori, non possono più viaggiare utilizzando tale documento, ma devono obbligatoriamente essere in possesso di un passaporto personale. Per richiedere il passaporto il minore deve avere in consenso di tutti e due i genitori, che devono firmare un apposito modulo presso la questura dove si presenta la domanda di rilascio. Nel caso in cui uno dei due genitori sia impossibilitato a presentarsi, può far pervenire alla questura il suo assenso scritto corredato di fotocopia del documento d’identità. La validità del passaporto varia in base all’età del minore, di seguito sono presenti i limiti temporali imposti dalla legge.

  • Per i minori da zero a tre anni è valido tre anni.
  • Per i minori da tre a diciotto anni è valido cinque anni.
  • Per coloro che hanno più di diciotto anni è valido dieci anni.

Com’è stato già detto in precedenza la carta d’identità può essere valida per l’espatrio oppure no, deve essere richiesta all’ufficio preposto della circoscrizione da entrambi i genitori, che dovranno compilare uno specifico modulo e consegnare quattro foto tessera uguali, dove il viso del proprio figlio si vede chiaramente e soprattutto a capo scoperto. 

Per ottenere invece la carta non valida per l’espatrio oltre ai documenti sopra citati, la richiesta dovrà essere presentata in presenza di due testimoni.

Per l'estero

gestione documentale1

Nel momento in cui si ha la consapevolezza di doversi recare all'estero per lavoro o per piacere, è bene controllare con anticipo rispetto alla partenza i documenti necessari all'espatrio, informandosi presso le ambasciate della necessità di eventuali visti per l'ingresso nel paese ospitante. I documenti di questo tipo sono la carta di identità valida per l'espatrio e il passaporto.

Il cittadino che fa richiesta può decidere se richiedere anche la validità per l'espatrio. Con questo termine si intende un documento che dia la possibilità di entrare in altri paesi (principalmente della Comunità Europea) senza il bisogno di altra burocrazia e fare affidamento a visti di soggiorno o passaporto. Il cittadino che invece volesse fare richiesta anche della carta di identità valida per l'espatrio, deve innanzitutto sottoscrivere una dichiarazione secondo la quale dimostri di non essere in condizioni di impedimento di rilascio del passaporto.

Con la carta valida per l'espatrio è inoltre possibile entrare in Egitto, portando una foto per il visto; in Romania per un soggiorno fino a un massimo di 30 giorni; in Marocco, Tunisia e Turchia, ma solo se chi vi si reca fa parte di un viaggio organizzato. Qualora il cittadino fosse minorenne, è necessario il consenso di entrambi i genitori. Ricordiamo inoltre che per richiederla è necessario recarsi allo sportello dell'anagrafe muniti di

  • documento valido di riconoscimento o carta di identità scaduta in caso di rinnovo della carta d'identità (in caso di minorenni, è necessario essere accompagnati da due testimoni muniti di documento)
  • 3 foto-tessera recenti uguali
  • modulo da acquistare alla cassa dell'anagrafe del valore di euro 5,42

Lasciapassare per l'estero

Immagine d'esempio per l'articolo sul Rinnovo della carta d'identità

Il lasciapassare per l'espatrio è un documento necessario per effettuare qualsiasi tipo di viaggio all'estero, quando ancora non si è raggiunta l´età per poter richiedere la Carta di Identità. I minori di 15 anni hanno bisogno, come documento per l'espatrio di un lasciapassare, che viene rilasciato dalla Questura.

Per poter fare richiesta alla propria Questura di riferimento, sono necessari i seguenti documenti:

  • Certificato di nascita, facendo richiesta al Comune di residenza;
  • 2 foto-tessera del minore, una delle quali verrà autenticata dal Comune o dalla Questura per essere apposta sul modulo di richiesta del lasciapassare stesso.
  • Modulo di richiesta del lasciapassare, disponibile presso gli uffici della Questura o del Comune.

Una volta presentati i suddetti documenti, i genitori firmano il modulo per dare l'assenso alla possibiltà di espatrio da parte del figlio. Tali firme vengono apposte alla presenza di un testimone, ovvero di un dipendente della questura; oppure si può presentare un modulo di richiesta del lasciapassare per l'espatrio già compilato e firmato dai genitori o di chi ne fa le veci, accompagnato da una copia dei documenti di identità di chi ha firmato.

Durata del lasciapassare

Il lasciapassare ha validità pari a 5 anni, ma se il minore compie il 15mo anno di età prima che esso scada, tale documento perde di valore in quanto è necessaria la richiesta della Carta di Identità (naturalmente valida per l'espatrio).

Dove richiedere il lasciapassare

carta identita espatrio

La domanda può essere fatta o in Questura presso l'ufficio Passaporti, o presso specifici sportelli comunali, a seconda di quanto deliberato dal Comune di appartenenza.

Valida per l’espatrio

Può essere utilizzata nei seguenti stati europei: 

  • AUSTRIA - BELGIO – BOSNIA – REPUBBLICA CECA - CIPRO - CROAZIA - DANIMARCA – ESTONIA - FINLANDIA - FRANCIA - GERMANIA – GIBILTERRA - GRAN BRETAGNA - GRECIA - IRLANDA - ISLANDA – LETTONIA - LIECHTENSTEIN – LITUANIA - LUSSEMBURGO - MALTA - MONACO - NORVEGIA - OLANDA –POLONIA - PORTOGALLO– SLOVACCHIA - SLOVENIA - SPAGNA - SVEZIA - SVIZZERA - UNGHERIA.
  • BULGARIA : Ingresso per un periodo massimo di 90 giorni
  • ROMANIA: Ingresso per un periodo massimo di 90 giorni.
  • REPUBBLICA DI MONTENEGRO : Ingresso per un periodo massimo di 30 giorni.
  • MAROCCO - TUNISIA - TURCHIA : Solo per chi vi si reca con viaggio organizzato.

Durata del documento di identità

La carta d'identità vale per 5 anni dalla data di rilascio. Una volta scaduto il termine previsto, i cittadini Italiani e Comunitari devono presentarsi con il documento scaduto (se scaduto da molto tempo occorre un altro documento valido o 2 testimoni) e 3 fotografie.

Chi può farne richiesta e come rinnovarla

In Italia, può fare richiesta  qualunque cittadino italiano residente in Italia e che abbia compiuto 15 anni. Può anche essere richiesta da un cittadino straniero residente in Italia, ma in questo caso non è valida per l'espatrio.

Tempi e luoghi di richiesta per il rinnovo della carta d'identità

Il documento può essere rilasciato in qualunque momento, a partire dal compimento del 15mo anno di età, e va rinnovato entro 180 giorni dalla data di scadenza; la sua validità è di 10 anni, e ogni pratica ad esso correlata può essere effettuata presso qualsiasi sede anagrafica del comune di residenza, nell'apposito ufficio Carte d'Identità.

Immagine d'esempio per l'articolo sul Rinnovo della carta d'identità

Chiunque voglia richiedere la carta di identità per la prima emissione, dovrà recarsi agli uffici anagrafici con due testimoni forniti di documento di riconoscimento valido; per il rinnovo della carta d'identità invece basta portare con sè il vecchio documento. Per poter richiedere il documento sono necessari inoltre:

  • 3 foto-tessera recenti
  • modulo stampato da acquistare alla cassa dell'anagrafe da euro 5,42; in caso di richiesta di rinnovo della Carta d'Identità non scaduta ma deteriorata, rubata o smarrita, va aggiunta una marca da Euro 5.16
  • in caso di furto o smarrimento è necessario allegare copia della denuncia portando in visione l'originale.

Se il richiedente è minore, in caso di validità per l'espatrio occorre il consenso di entrambi i genitori, muniti di documento valido. Se il richiedente è straniero, è necessario esibire il permesso di soggiorno originale e allegarne una copia alla documentazione, oltre ad esibire il passaporto. Entrambi i documenti, naturalmente, non devono essere scaduti. 

Validità documento al Municipio

Questo documento si può richiedere a partire dai 15 anni di età, e a partire dal 2008 non vale più solamente 5 anni, ma 10 anni. Infatti, dal 26 giugno 2008 è stata raddoppiata la validità, con proroga anche a tutti i documenti validi al momento dell'entrata in vigore del decreto. Prima del rinnovo della carta d'identità è possibile chiedere di aggiornare la data di scadenza al decimo anno facendo apporre in Comune o all'ufficio di competenza un timbro apposito con la seguente dicitura:

validità prorogata ai sensi dell’art.31 del DL 25/6/2008 n.112 fino al ../../..

Scadenza e rinnovo della carta d'identità: cosa hanno deciso al Ministero?

appunti

Il rinnovo della carta d'identità va effettuato a partire dal sesto mese precedente la data di scadenza, e può essere richiesto presso un qualsiasi ufficio dell'anagrafe del comune di residenza. L'avviso di scadenza è onere del Comune, che per legge deve fare in modo di comunicare ai cittadini l'avvicinarsi della data di cessazione di validità. L'avviso da parte del comune viene effettuato a partire da 180 giorni precedenti la scadenza prevista dal documento. La durata della carta di identità per chi non ha compiuto ancora 15 anni, invece, resta sempre di 5 anni. Nel caso si possegga il documento CIE, il rinnovo della carta d'identità prevede il semplice rilascio di un attestato di proroga da parte dello sportello dell'anagrafe.

Come richiedere il documento di identità elettronico in caso di deterioramento di quello vecchio

A partire dal 1 gennaio 2006, secondo quanto stabilito dall'articolo 7-vicies ter della Legge 31 marzo 2005 n. 43, il documento cartaceo è sostituito dalla carta di identità elettronica (CIE) sul territorio italiano. Questo almeno è quanto prevedevano le norme a livello teorico. Infatti al momento la diffusione della carta di identità elettronica è ancora un documento in fase embrionale, a causa dell'elevato costo di distribuzione del servizio e della difficoltà di lavorare con l'alta tecnologia necessaria alla sua realizzazione.

Immagine d'esempio per l'articolo sul Rinnovo della carta d'identità

Tra le caratteristiche generali che vengono immesse su questo documento di riconoscimento ci sono, oltre ai dati anagrafici (nome, cognome, data di nascita, residenza ecc…), dati come lo stato civile, ormai diventato facoltativo su richiesta dell’interessato, la professione del proprietario del documento e i cosiddetti “Connotati e contrassegni salienti”, ossia statura, colore capelli, colore occhi e segni particolari. A differenza della tessera sanitaria, sulla carta d’identità non è presente il codice fiscale, ma sono presenti tutti i dati per poterselo procurare.

Nel caso in cui il documento di riconoscimento dovesse venire smarrito o rubato da malviventi, bisognerà presentare un documento di riconoscimento valido in caso mancassero due persone maggiorenni munite di un documento d’identità valido, che dichiarano di conoscere in modo personale l’interessato, occorreranno due fotografie scattate recentemente, con il volto ben visibile in primo piano, a capo scoperto, ad eccezione di coperture come velo, turbante o tutto ciò che è imposto da religione.

Occorrerà poi la denuncia originale, rilasciata dall’autorità di Pubblica Sicurezza, meglio nota come Questura, o dai Carabinieri. In caso non sia possibile consegnare la denuncia originale, basterà portare una fotocopia. Per denunciare il fatto, bisogna conoscere il numero della carta d’identità rubata o smarrita, che si può ottenere andando all’anagrafe.

Per richiedere la carta d’identità, in caso di richiedente minore di 18 anni, occorrerà l’assenso di entrambi i genitori, o di coloro che esercitino la potestà genitoriale, i quali dovranno firmare un modulo. Per cittadini inabilitati o interdetti, occorrerà la firma del curatore o del tutore. Per i cittadini stranieri o extracomunitari, bisognerà presentare il permesso di soggiorno valido. La carta d’identità italiana rilasciata a quest’ultimi non avrà il titolo valido per l’espatrio.

Caratteristiche della CIE

carriere online lavoro in remoto

E' praticamente simile ad un bancomat, e deve contenere i seguenti campi:

  • dizione della Repubblica Italiana;
  • cognome e nome del titolare, comune e data di nascita, sesso, estremi dell'atto di nascita, statura;
  • codice fiscale;
  • comune di residenza e indirizzo;
  • data di emissione e scadenza documento;
  • cittadinanza;
  • validità per l'espatrio o eventuale annotazione in caso di non validità;
  • firma del titolare.

Inoltre, la il documento elettronico ha la peculiarità di avere anche dei servizi aggiuntivi telematici, quali una banda ottica laser ed un microprocessore che permette di autenticarsi tramite PIN in caso d'identificazione presso sistemi automatici.

Al momento, le modalità di richiesta sono le stesse del documento tradizionale. Al momento del rilascio della CIE, si riceveranno tre codici segreti rigorosamente confidenziali:

  • PIN: sequenza di numeri segreti per il riconoscimento dell'utente
  • PUK: codice di sblocco del PIN in caso di digitazione errata dello stesso per tre volte
  • CIP: codice che impedisce l'uso del PIN in caso di furto o smarrimento della carta.

Rinnovo della carta d’identità: le proroghe del 2021

7011967 orig

Tra il 2020 e il 2021 la burocrazia italiana ha inesorabilmente subito dei forti rallentamenti, causati dalla diffusione della pandemia ci Covid-19. Le istituzioni sono state costrette a posticipare moltissime scadenze e imminenze burocratiche a causa delle varie restrizioni imposte dal governo per contenere la diffusione della pandemia sopracitata.

Ad esempio, il rinnovo della carta di identità rappresenta una di queste pratiche che per vari motivi sono state prorogate. Infatti, per tutte le persone che avevano prefissata la data di scadenza del loro documento nel corso del 2020 potranno serenamente prorogare e posticipare il rinnovo della carta di identità fino al 30 aprile 2021.

Ovviamente si tratta di misure speciali e provvisorie prese per agevolare i cittadini e le istituzioni che attualmente sono impegnate in attività di maggiore importanza.

agenzia delle entrate logo

Questa proroga non si riferisce soltanto a colore che devono effettuare il rinnovo della carta di identità, ma è valida, allo stesso modo, per quanto riguarda tutti i documenti identificativi, attestati, permessi e altri importanti documenti che abbiano una data di scadenza compresa tra il primo agosto 2020 e il quattro dicembre 2020.

È chiaro quindi che, se la vostra carta di identità dovesse essere scaduta nel secondo semestre dello scorso anno, avrete a disposizione ancora qualche mese per presentare domanda di rinnovo della carta di identità.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Altri articoli che potrebbero interessarti

Locazione: lettera di sollecito

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione una particolare forma contrattuale in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone. Il contratto di locazione è regolamentato dall'articolo 1571 del codice civile.

Voltura acea: il fac-simile del modello per il contratto di subentro

Voltura acea

Vi proponiamo di seguito il modello da compilare per richiedere un subentro del contratto acea energia. Ovviamente abbiate cura di compilarlo a dovere prima di consegnarlo. Confrontatevi in maniera approfondita con persone che hanno già affrontato un'operazione del genere ed eventualmente chiamate il numero verde Acea per avere conferma riguardo alcuni dubbi che potrebbero sorgere. Lasciate un commento e/o condividete l'articolo se vi è piaciuto e se vi è servito e l'avete trovato utile.